Sol.Id Onlus da anni supporta con costanza e dedizione i progetti solidali in sostegno della popolazione Karen nella Birmania orientale.

Seguendo la linea tracciata negli anni da importanti associazioni solidaristiche, come l’italiana Popoli Onlus, si è arrivati ad ottenere una proficua partnership rivolta a sostenere le Jungle Clinic che negli anni sono state costruite nello Stato Karen. Vessati da anni di pulizia etnica e dalla guerriglia, i Karen sono un popolo dalla condotta esemplare che rifiuta i facili guadagni legati al narcotraffico è che difende il patrimonio naturale della sua terra.

Per questo si trovano ad affrontare un vero e proprio rischio di estinzione umana,  cacciati ed emarginati dalle loro zone d’origine per non essersi piegati alla dittatura militare che da decenni soffoca la Birmania. I Karen oggi vivono in villaggi all’interno della giungla sul confine thailandese in situazioni di assoluta precarietà.

Le cliniche che Sol.Id supporta, anche attraverso la raccolta di medicinali e materiale medico, costituiscono i soli presidi medico-sanitari della zona ai quali si affiancano le scuole primarie, create negli anni sul territorio, che hanno reso possibile lo sviluppo di comunità sempre più grandi ma che hanno costante bisogno anche del nostro aiuto.

Oltre all’ambito sanitario e scolastico recentemente ci stiamo occupando di due nuovi progetti, entrambi rivolti a bambini in età scolastica.
Il primo consiste nella pulizia dei villaggi: in un territorio dove è difficile la raccolta dei rifiuti rifiuti insegniamo ai più piccoli a differenziare e mantenere più pulita la terra a cui tanto sono legati.
Il secondo, invece, riguarda l’igiene dentale. Abbiamo riscontrato diversi casi di carie e per questo abbiamo deciso di donare spazzolini, dentifricio e di insegnare a bambini e maestre l’importanza del pulirsi i denti.

Infine nel 2018 abbiamo dato il via a un nuovo sogno “The Village Project”: costruire un nuovo villaggio per permettere ai Karen dovuti fuggire per le persecuzioni di ritornare nella propria terra. Un progetto di ripopolamento e di cooperazione allo sviluppo in supporto di questo popolo colpito duramente dalla repressione dell’esercito birmano.